PLMA E-Scanner – ottobre 2017

ottobre, 2017
Il marchio del distributore cresce nel Regno Unito

Nielsen segnala che la spesa dei consumatori per i marchi del distributore nel Regno Unito sta crescendo quasi cinque volte tanto la spesa per i marchi di qualità A. In un recente periodo di tre mesi, la spesa dei consumatori per i prodotti a marchio del distributore è aumentata del 5,5%, rispetto a solo l’1,2% per i marchi del produttore.

L’aumento medio delle vendite tra tutti i prodotti alimentari è stato del 3,5%. “Il ritorno dell’inflazione significa che gli acquirenti stanno rivolgendosi sempre più verso i prodotti a marchio dei supermercati in modo da poter meglio gestire la loro spesa settimanale”, spiega Nielsen. “Le vendite del marchio del distributore stanno crescendo tra tutti i principali distributori di alimentari, ma più rapidamente presso i distributori, Aldi e Lidl e Co-operative, Iceland, M&S e Tesco.”

Gli acquirenti tornano a spendere

I consumatori in Europa stanno ricominciando a spendere. Nielsen segnala che i consumatori europei hanno speso il 3,7% in più per gli alimentari nel secondo trimestre rispetto al primo, il più grande aumento nell’arco di tre anni. La crescita è una combinazione dell’aumento del 2% del prezzo e dell’1,7% del volume, in base ai dati Nielsen sui distributori alimentari di 21 paesi europei.

Guardando ai maggiori mercati europei, l’Italia si è classificata al primo posto (+ 4%), seguita dalla Francia (+ 3,2%), mentre la Germania ha registrato una crescita del 2,3%.  La Turchia ha visto il più grande aumento per le entrate di cassa, (+ 14%), mentre nella UE, la Slovacchia è salita al 9% e l’Austria circa al 7%. In Belgio, la crescita ha raggiunto il 2,8%, il valore più alto dopo diversi anni.  La crescita olandese è stata del 2,9%, grazie a un aumento in volume dello 0,2% e dei prezzi del 2,7%.

Carrefour riempie i titoli

Carrefour è presente nelle prime pagine in questi giorni. Innanzi tutto, il nuovo presidente e CEO Alexandre Bompard ha annunciato la nomina di un nuovo comitato esecutivo del gruppo, composto da dirigenti esistenti del gruppo oltre a nuovi ingressi. Carrefour descrive la creazione del gruppo come “una tappa importante”, che definirà e implementerà un piano di trasformazione aziendale.  
 Subito dopo, una pubblicazione del settore ha segnalato che Amazon potrebbe fare un’offerta per acquisire Carrefour nel tentativo di aumentare la sua presenza in Europa. La borsa di Parigi ha reagito positivamente alla speculazione con il rapido aumento del prezzo delle azioni di Carrefour.

La pubblicazione, Valeurs Actuells, ha specificato che l’acquisizione sarebbe significativa alla luce dell’acquisizione del distributore online di Whole Foods negli U.S.A. Alcuni analisti della distribuzione hanno affermato che malgrado la speculazione pensavano che una collaborazione con Google fosse più probabile di un’acquisizione da parte di Amazon.

La UE emette linee guida

L’Unione Europea ha emesso linee guida che consentono alle autorità nazionali di stabilire se un’azienda violi la legge vendendo prodotti alimentari o bevande di differente qualità in paesi diversi. La nuova guida spiega che può sussistere una violazione delle leggi sui consumatori della UE se questi ultimi non sono informati della differenza in uno stesso prodotto tra due diversi paesi e se la differenza influisce sul comportamento di acquisto. La Commissione Europea ha spiegato che la questione chiave per i consumatori è: “Avrei sempre acquistato questo prodotto se avessi saputo che c’era una differenza significativa rispetto al prodotto che ho provato in un altro stato membro?”

Il problema della doppia qualità è stato prevalente nell’Europa centrale e orientale con uno studio recente del Ministro dell’agricoltura Ceco che ha rivelato che gli alimentari venduti con la stessa confezione e sotto lo stesso marchio variano da uno stato membro all’altro.

L’attività online porta al consolidamento

La crescita degli acquisti online sta portando alcuni distributori a consolidare i propri marchi. Il CEO di Auchan, Wilhelm Hubner, spiega che “al momento in cui il digitale sta guidando lo sviluppo del commercio, è importante avere un singolo marchio più semplice da riconoscere per il consumatore, invece di cinque marchi che naturalmente creano confusione”.

Auchan unirà tutti i propri 29 marchi del distributore in Russia nel marchio Auchan in un periodo di due anni. Il distributore potrebbe anche abbandonare il marchio dell’ipermercato Jumbo in Portogallo entro la fine del 2018. In Italia, il marchio del distributore Simply non è molto noto, quindi tutti i negozi del gruppo nel paese passeranno sotto l’insegna Auchan.

Aldi ha successo con la gamma premium

Aldi UK sta riscuotendo successo con le sue nuove gamme premium. Il discount segnala che le categorie più performanti sono state la gamma Specially Selected di prodotti premium, insieme a carne e pesce, frutta e verdura freschi. Per quest’anno, le vendite di Specially Selected sono salite del 40%.  

Aldi sta lanciando nuovi piatti pronti con il marchio Specially Selected. Tutti i prodotti contengono esclusivamente carne britannica e costano circa 7,50 sterline. Il distributore sta inoltre espandendo la gamma premium di yogurt Specially Selected Farmhouse, con l’aggiunta di quattro gusti: arancia rossa e mirtillo, barbabietole e mela, lampone e lemon curd.  I prodotti sono realizzati esclusivamente con latte britannico.

I cibi pronti crescono nel Regno Unito

Il settore dei cibi pronti nel Regno Unito crescerà di oltre un terzo nei prossimi cinque anni, per un valore di 23,5 miliardi di sterline, prevede IGD. Caffetterie e negozi specializzati otterranno i maggiori guadagni grazie all’aumento di popolarità sperimentato dalla categoria da 17,4 miliardi.  I distributori convenience e i supermercati beneficeranno di buoni tassi di crescita attorno al 6%.  

“Ciò che vediamo è un numero crescente di distributori, negozi specializzati e fornitori che riflettono su come trarre vantaggio da questa opportunità dei cibi pronti”, spiega IGD. “Sappiamo che lo shopping dei clienti è più frequente, che le dimensioni dei loro carrelli si stanno riducendo e, quindi, una maggiore quantità di cibi pronti è una naturale conseguenza. Pertanto, questa tipologia di cliente sta crescendo di valore”.

Nuova gamma “on the go”

Delhaize in Belgio ha lanciato una gamma di prodotti per la colazione “on the go” con il nome Fast Break. La gamma comprende sei prodotti per la colazione naturali al 100%, fra i quali yogurt, muesli, fiocchi di avena, frutta fresca e pudding con semi di chia. I prodotti sono confezionati in una tazza da asporto in plastica che include anche un cucchiaino. I prodotti non contengono additivi e sono ricchi di fibre, vitamine e antiossidanti. La gamma completa comprende muesli con yogurt e fragole; muesli con yogurt, mele e uva; muesli con yogurt, mango e ananas; fiocchi di farina di avena mele, uvetta e cannella; smoothie per colazione con mirtilli e fragole nonché pudding con semi di chia e noce di cocco con mango e ananas.

Albert Heijn diventa personale

Albert Heijn nei Paesi Bassi ha introdotto un programma personalizzato per la spesa nel proprio portale di acquisti online, ah.nl, per velocizzare il servizio e renderlo più pratico per i clienti.
La “lista intelligente” compila suggerimenti e previsioni basandosi sugli acquisti dei clienti e sulla frequenza di selezione di determinati prodotti. Quando si effettua un ordine, i clienti controllano la lista personalizzata e aggiungono o rimuovono i prodotti necessari per quella occasione.

Albert Heijn ha provato finora il nuovo servizio con oltre 2.000 clienti e invita tutti i 65.000 clienti registrati che fanno regolarmente la spesa online a utilizzare questa nuova funzionalità. Il servizio di acquisto online del distributore consente ai clienti di fare gli ordini nei negozi, nell’app o sul sito Web.

Colruyt offre il finder dei prodotti

Colruyt in Belgio sta lanciando un sito Web “Product Finder”, che offre informazioni approfondite sui prodotti a marchio del distributore. Sulla piattaforma digitale, gli acquirenti possono facilmente trovare i prodotti che corrispondono alle loro abitudini alimentari o alla loro dieta. Inoltre, consente di cercare informazioni su ingredienti, valori nutritivi o la durata dei prodotti. Il distributore spiega che ha scelto di fornire informazioni solo sui suoi marchi per garantire la così la correttezza delle informazioni. I consumatori possono inoltre iscriversi per partecipare a test comparativi del gusto. Ciò consente loro di fornire un feedback sulla composizione di prodotti nuovi o modificati.

Nei negozi 

Ahold Delhaize venderà prodotti per la salute e la bellezza a marchio del distributore dal proprio gruppo di drugstore Etos presso i suoi negozi di alimentari in Belgio, Romania, Repubblica Ceca e Grecia.

Carrefour pianifica di avviare un formato di minimarket con l’insegna BonApp in Francia. I negozi conterranno circa 800 SKU, compreso il marchio del distributore BonApp, che rappresenterà circa un quarto dei prodotti offerti.

Aldi ha annunciato che le vendite nel Regno Unito e in Irlanda sono aumentate del 13%, raggiungendo 8,7 miliardi di sterline nell’anno finanziario 2016.

In Polonia, Aldi pianifica di aumentare il numero di prodotti presenti nei suoi negozi rinnovati.  Il numero di SKU verrà espanso a 1.700 articoli.  

Intermarché in Francia ha iniziato a offrire prodotti a marchio del distributore da Conad, il distributore italiano.

Lidl ha eliminato i prodotti contenenti “microperle” dai negozi britannici.

In Svizzera, Lidl ha lanciato un servizio online di pasti pronti completi.

Il distributore spagnolo Mercadona si sta preparando per l’ingresso nel mercato portoghese con l’apertura di un centro di innovazione vicino a Porto.

SuperValu resta il maggior distributore di alimentari in Irlanda, con una quota di mercato del 22,1%, secondo Kantar WorldPanel.

Penny Market ha rilanciato la linea a marchio Valbontà di prodotti latteo-caseari, realizzato esclusivamente con latte italiano.

Tesco sta aggiungendo vini frizzanti alla collezione Finest.

Asda sta lanciando una gamma di cosmetici con il marchio George, comprendente oltre 150 prodotti di make-up con prezzi che variano tra le 2 e le 6 sterline.

Coop Svizzera ha introdotto una gamma di articoli da toilette specifici per i bambini, con il marchio Naturaline.

Edeka detiene il più alto livello di soddisfazione dei clienti tra gli acquirenti dei supermercati e ipermercati in Germania, secondo un’indagine di Kundenmonitor Deutschland.

Morrisons, nel Regno Unito, mira a raddoppiare la dimensione della sua gamma premium The Best entro la fine dell’anno.

Ocado, il distributore di prodotti alimentari britannico online, segnala un aumento del 13% delle vendite nel terzo trimestre.

Carrefour Belgio sta introducendo una linea di polli biologici allevati senza antibiotici, con il marchio Carrefour Quality.

Netto Marken-Discount in Germania ha introdotto una gamma di frutta e verdura con il marchio Markttag, che combina articoli delle gamme Erntefrisch e Premium N

Migros ha iniziato a vendere prodotti con il marchio Orange Garten attraverso la piattaforma cinese online NetEase Kaola. Il marchio Orange Garten è ora utilizzato per commercializzare all’estero i prodotti Migros.

Marks & Spencer sta testando un servizio di alimentari online in un negozio che consentirà di consegnare agli acquirenti la cena a casa entro un’ora.

Sainsbury’s sta testando un sistema senza casse in un negozio che consente ai clienti di pagare gli alimentari con il cellulare.

Sainsbury’s sta espandendo la gamma di formaggi vegani Gary.

Spar Regno Unito sta introducendo una gamma di pasti serali premium.

Eroski sta estendendo il servizio di ritiro degli ordini online in 49 località in Spagna.

Lidl ha lanciato un negozio online per la Repubblica Ceca, a seguito dell’apertura di altri e-shop in Belgio, Paesi Bassi e Germania.

Albert Heijn sta lanciando una gamma di scodelle di zuppa fresca, contenenti verdure fresche già tagliate.

Coop Svezia ha lanciato una gamma di 18 verdure fresche pronte, pelate e tritate con il marchio Hackat och Klart (tritata e pulita).

Carrefour ha completato il rebranding degli ex negozi Billa in Romania.

Le vendite del marchio del distributore in Brasile sono cresciute del 16% nel 2016, secondo Nielsen. Lo scorso anno, sono stati lanciati 58 nuovi marchi del distributore e 2.190 nuovi prodotti.

Ricerche di mercato 
Gli olandesi acquistano in meno negozi

La percentuale di clienti nei Paesi Bassi che acquistano in più di due supermercati è diminuita nettamente, in base a una ricerca di Deloitte. Un gruppo crescente di consumatori visita una sola insegna. Nel 2015, il 66% dei consumatori olandesi facevano la spesa in tre supermercati o più, ma tale percentuale è scesa al 58% nel 2017. Quasi l’11% dei consumatori ad un solo format, mentre solo circa il 6% lo faceva due anni fa.

Deloitte spiega che la fine della crisi economica è un’importante spiegazione per questo sviluppo. “Un crescente numero di consumatori ha maggiori possibilità finanziarie ed è meno tentato di andare a cercare le occasioni in più supermercati. Scelgono la comodità di fare tutta la spesa in un negozio”.

Agli italiani si rivolgono ai prodotti senza glutine

Le vendite di prodotti da forno senza glutine in Italia hanno visto una crescita del 20% nell’ultimo anno, raggiungendo 56 milioni di euro, guidata da snack, cracker e biscotti, secondo Nielsen. Globalmente, il segmento del benessere, che comprende prodotti generici per la salute, biologici e senza glutine, ha visto una crescita del 2% negli ultimi due anni. Anche gli snack stanno crescendo, con le vendite in aumento del 37% in valore e del 45% in volume.

Notizie PLMA 
La Fiera del Marchio del Distributore degli Stati Uniti della PLMA, 12-14 novembre

La fiera di Chicago della PLMA di quest’anno, che si terrà dal 12 al 14 novembre, sarà più internazionale che mai. Saranno presenti oltre 400 espositori internazionali in circa 600 stand, provenienti da quasi 50 paesi.  Gli espositori comprendono padiglioni da Italia, Francia, Spagna, Messico, Canada, Perù, Ecuador, Cina, Turchia, Grecia, Repubblica Ceca, Vietnam e Sud Africa.

In totale, più di 1.400 aziende esporranno i loro prodotti. Alla fiera sarà presente il Supermercato delle Idee della PLMA, che presenta prodotti da tutto il mondo. Vi sarà inoltre una speciale esposizione dei prodotti vincenti del Salute to Excellence Award della PLMA introdotti dai distributori in tutti gli Stati Uniti. L’Esposizione Nuovi Prodotti presenta i nuovi prodotti per il marchio del distributore che vengono presentati dagli espositori. Per i partecipanti sono inoltre offerti vari seminari e workshop.

Eventi 
24-26 ottobre

Programma di formazione della PLMA per dirigenti
Amsterdam, Paesi Bassi

12-14 novembre

Fiera del Marchio del Distributore degli Stati Uniti
Chicago, Stati Uniti

28-30 novembre

Fiera del Marchio del Distributore di Shanghai
Shanghai, Cine